Orari lavorativi

Lun-Ven: 08:30 - 13:00 / 16:30 - 19:00

Sab e Dom: Chiuso

Indirizzo: Via Santa Maria, 40, 73010 Veglie LE, Italia

Telefono: +39 333 319 7826

Email: silviogalati@bereluce.it

Commerciale

Email: commerciale@bereluce.it

Telefono: +39 347 577 7910

Segreteria

Email: info@bereluce.it

Telefono: +39 340 055 6440

Blog

BROCHURE CALCAGNI    Scarica la Brochure per conoscere l’ eroe del III Millennio

www.carlocalcagni.it

 

                 

 

 Cerca su La Gazzetta dello Sport                   

 

Nella sezione vogliamo introdurre una linea di merchandising rivolta al Colonnello.
Si tratta di una linea creata in stretta collaborazione con l’ Atleta Carlo, dove il design e il concept racchiudono un messaggio inequivocabile: MAI ARRENDERSI!
Non è soltanto un motto, ma un vero e proprio stile di vita di chi incarna il puro concetto di resilienza contro le avversità della vita: indifferenza, malattia, sconforto, solitudine, ostruzionismo. Il Colonnello attraverso il suo “donarsi agli altri senza nulla volere in cambio” ha ispirato BERELUCE affinchè coniugasse al meglio le proprie competenze, strutturando tecnologie di lavoro, riduzione all’ essenziale nelle forme, e pensieri umanistici.
La linea Calcagni è un progetto che vedrà la realizzazione di strumenti di comunicazione per diffondere il suo “MAI ARRENDERSI” e che traduce esattamente il secondo concetto “senza nulla chiedere in cambio”, infatti il Colonnello pone chiaro la clausola di NON VOLERE in nessuna forma e modalità ricavare economicamente dalla diffusione del suo merchandising, purchè questo venga concepito sempre nei principi etici di chi ha bisogno.
 

Io sono il COLONNELLO

Il Colonnello Carlo Calcagni è nato nel 1968

a Ichenhausen (Germania),  appartenente al Ruolo d’Onore dell’Esercito Italiano, è un EROE, dei nostri tempi, che ha racchiuso nel messaggio

“MAI ARRENDERSI” il suo vissuto e la sua capacità di affrontare la malattia e le cure mediche devastanti in modo esemplare.

Elicotterista e Vittima del DOVERE, ammalatosi per causa e fatti di servizio durante la missione Internazionale di pace nel 1996 nei Balcani, in Bosnia, ha saputo trasformare la sua tragedia in forza di volontà e di coraggio, riuscendo ad ingannare anche la morte.

Atleta paralimpico, dal podio d’Oro, ha trovato nello SPORT la forza per andare avanti, affrontando e vincendo SFIDE ciclistiche impossibili.

I suoi genitori pugliesi, emigrati dal Salento, lavorano per realizzare il loro sogno di costruire una casa

a Guagnano, il paese di origine, per tornare in Italia, dopo aver comprato anche i terreni necessari per avviare un’azienda agricola a conduzione familiare.

Il sacrifico dei suoi genitori è il paradigma per l’intera famiglia: apprezzare le cose semplici e durature ed avere sempre un obiettivo da realizzare. 

Quelli in Germania sono stati anni felici per Carlo, avvicinatosi sin da piccolo al mondo dello sport,

suo fedele compagno di vita che ha avuto un ruolo importante nel forgiare la mente, fisico e carattere.

Carlo affronta la sua prima grande sfida a  soli sei anni. Dalla Germania torna in Salento per iniziare la scuola dell’obbligo, ma senza i suoi genitori che continuano a lavorare nelle fabbriche tedesche ancora per due anni.

Poi ritornano a Guagnano, dove Carlo trascorre l’adolescenza e la sua prima giovinezza senza mai allontanarsi dal suo paese di residenza.

Durante l’ultimo anno di studi, prima di conseguire la maturità classica, un amico, compagno di banco, invoglia Carlo a presentare, insieme a lui, la domanda per il concorso per ufficiali di complemento dell’Esercito Italiano.

L’idea di recarsi tre giorni a Caserta per il concorso rappresentava, per i due ragazzi, l’occasione di allontanarsi dal paese e dalla routine quotidiana, fatta per Carlo di intensi  studi classici presso i

Padri Scolopi, presso l’Istituto Calasanzio a

Campi Salentina, intensa attività sportiva in palestra, duro e pesante lavoro nei campi di famiglia. 

Quel concorso segna l’inizio casuale di una meravigliosa avventura: servire l’Italia come militare e come atleta, entrare a far parte della FOLGORE, indossare il basco amaranto, segno di unione e fratellanza, conseguire il brevetto di pilota osservatore di elicotteri.

www.carlocalcagni.it

Lascia un commento

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart

Nessun prodotto nel carrello.